Casalborgone, 60a Sagra del Pisello
23-27 Maggio 2013

Scegli una parola da regalare.

Una parola che ti piace o che non ti piace, una parola che avresti sempre voluto dire e che non hai detto, un nome, un grido, un sussurro, un termine dal suono buffo. Immaginala come una dedica, uno spunto poetico rivolto alla persona che ami, alla comunità, al mondo, all’universo. Qualcosa che vuoi mettere in evidenza o di cui vuoi sbarazzarti.
Una parola sola.

Scegli la lingua in cui desideri pronunciarla e la grafia con cui scriverla. Può essere in italiano, in dialetto, in una lingua straniera che conosci o che non conosci. In caratteri latini, arabi, cirillici, in codice morse o braille. In corsivo o stampatello. Decidi tu, trova le tue motivazioni. Oppure lascia che loro trovino te.

Ora costruisci: utilizza materiali di recupero e tutta la tua creatività per realizzare un manufatto che abbia la forma di quella parola. Dalle corpo. Non preoccuparti troppo del risultato, fai semplicemente esperienza della creazione, gioca.
Puoi utilizzare cartone, plastica, tessuti, pezzi di qualcosa che hai rotto. Lascia pure i materiali nudi, non dipingerli o foderarli, incuriosisciti della loro natura.
Assicurati che la costruzione non sia troppo precaria e non rischi di distruggersi durante gli spostamenti.

Puoi firmarla o lasciarla anonima.

Una volta pronto, porta il tuo lavoro al punto di raccolta: il salone del B&B ViaVai, in via Valfrè 7.
C’è tempo fino alla sera di domenica 26 Maggio. Se vuoi puoi anche realizzare il tuo pezzo direttamente sul posto, dove troverai un po’ di materiali a disposizione.
Durante la festa tutti potranno visitare questo spazio, per curiosare e partecipare. Sarà un’installazione viva e in divenire.

Partecipa, coinvolgi i bambini e gli amici, passaparola!

Nei giorni successivi tutti i pezzi saranno riallestiti in mostra, per fare memoria dell’esperienza.

Passaparola è un esperimento di arte relazionale, che si propone di coinvolgere una comunità – quella di Casalborgone, riunita intorno all’evento portante della Sagra – in uno spazio di comunicazione attraverso un canale insolito.
La popolazione è invitata a interagire utilizzando una modalità alternativa all’omologazione dei rapporti che la società spesso impone, trovando così l’occasione di scoprire aspetti sconosciuti e originali di sé.

Quotidianamente siamo subissati dalle parole, ma quanto ci ricordiamo di dar loro sostanza e qualità? Di farle corrispondere alle idee e alle emozioni? Di prenderci il tempo di conoscerle nel profondo?

Una proposta di Stranifiori in collaborazione con ViaVai e Pro Loco di Casalborgone.